Settimana della tecnologia, all’Itis di Cassino cala il sipario

SCUOLA – Sei giorni di dibattiti, convegni, laboratori e iniziative. Gli studenti hanno avuto modo di mettersi in contatto con il mondo delle imprese. La vicinanza delle istituzioni e tanti sponsor a sostenere l’evento. L’orgoglio dei docenti e del dirigente del “Majorana” Pasquale Merino

Cala il sipario sulla sesta edizione della Settimana della Tecnologia. Con una tavola rotonda sull’economia circolare moderata dalla giornalista Elena Pittiglio, sabato all’Itis “Majorana” di Cassino si è concluso l’evento che quest’anno ha visto la presenza e la vicinanza non solo delle istituzioni del territorio, ma anche di molti sponsor.

Il dirigente Pasquale Merino ha curato il progetto e sono molti sono stati i partner di questa iniziativa. Le istituzioni del territorio, intanto, a partire dal Comune di Cassino, provincia di Frosinone e Regione Lazio. Come sempre a rispondere “presente” all’appello è stata anche l’Università di Cassino. Importante anche il supporto dei privati che ha visto in campo come sponsor dell’iniziativa: Acea ambiente, Cedi e Saxa Gres.

 A patrocinare l’iniziativa sono stati inoltre: Unindustria, Irase, Comune di Cassino, Consiglio regionale del Lazio, Regione Lazio, Università di Cassino e L’Inchiesta. Tra le aziende partecipanti, tra le altre, si segnala la partecipazione di: Neuromed, Omron e SkF. Ma tante sono state le realtà imprenditoriali che nel corso della settimana hanno partecipato a iniziative e laboratori.

In particolare  Luciano Piacenti  di Saxa Gres ha evidenziato: “L’economia circolare per noi è fondamentale. Partendo da progetti di economia circolare abbiamo infatti riattivato due stabilimenti che erano stati abbandonati: uno ad Anagni e l’altro a Roccasecca. Il nostro rapporto con l’Unicas e con le scuole noi intendiamo coltivarlo: da questo bacino di competenze noi riteniamo di possano poi attingere i futuri tecnici che dovranno sviluppare i progetti che poi noi andremo ad attivare su questo territorio”.

Acea Ambiente ha partecipato con la la dott.ssa Claudia Lena che nella giornata conclusiva ha spiegato: “Noi crediamo così tanto in questa iniziativa che quest’anno abbiamo deciso di sponsorizzarla. Per noi è importante spiegare ai ragazzi i temi della sostenibilità e dell’economia circolare e raccontare la nostra esperienza industriale, quindi l’applicazione delle tecnologie, proprio per rientrare a tutti gli effetti in un industria che si basi su un’ottica di economia circolare”.

Da Unindustria Federica Celardi ha rilevato come “il modello di economia circolare al momento è in opposizione con il modello attuale italiano, importante quindi la transizione. L’economia circolare è strettamente legata al tema della sostenibilità. l’Europa ha reso la sostenibilità pilastro delle sue politiche. L’obiettivo è creare una cultura sul tema, ruolo fondamentale è quindi quello della scuola”.

In prima linea anche gli esponenti de La Mia Energia.L’ingegnere  Andrea Miele  el Dott Ssa Melissa Arduini hanno detto: “Oggi è importante parlare di economia circolare per fargli capire il concetto e la consapevolezza di tutto quello che hanno intorno soprattutto in materia di energia e di ambiente”.

A portare i saluti del consiglio regionale del Lazio è stato il consigliere Pasquale Ciacciarelli che nel suo intervento ha detto: “Siamo molto orgogliosi del fatto che questo  istituto è quello più frequentato della provincia di Frosinone. Bisogna continuare con questi eventi perché dimostrano quanta attività viene fatta in questo istituto e sono convinto che ci saranno altre azioni per valorizzare ancora di più questo importante presidio studentesco, con il dirigente Merino c’è grande sinergia”.

Dall’Unicas è intervenuto Marco dell’Isola che dal 1° novembre prenderà ufficialmente le redini di Giovanni Betta. Da rettore “in pectore” ha evidenziato come sia importante creare una sinergia tra l’università e la scuola e l’importanza di fare rete e avere risorse tecniche a fattor comune.

Nel corso della tavola rotonda sono poi intervenuti anche l’ingegnere meccanico Daniele Cafolla in rappresentanza di Neuromed  e Annalisa Casino di Eticae. Prima delle conclusioni del dirigente Merino e del professore Achille Sasso, su tutti ha Istruzione Maria Concetta Tamburrini: “Questa manifestazione è fondamentale perché mette in sinergia tutte le forze più belle del nostro territorio, soprattutto le forze che si stanno formando. Tutto ciò che fa crescere eticamente i ragazzi fa crescere la nostra comunità, quindi la città di Cassino”.

L’articolo Settimana della tecnologia, all’Itis di Cassino cala il sipario proviene da LeggoCassino.it.

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Add a comment